Domotica Fai da te: Il contatore dell’acqua smart

Vuoi anche tu un progetto di domotica personalizzato?

Hai già dato un occhio all’indice di articoli inerenti la Domotica presenti nel mio sito?
Facci un salto: Indice articoli di Domotica


Eccoci di nuovo a parlare di Domotica, questa volta di domotica fai da te. Di recente sono stato contattato da Tex (nome di fantastia) che mi ha chiesto di supportarlo nella configurazione di svariati progetti inerenti la domotica fai da te. Uno di questi, riguarda l’integrazione del suo sistema domotico, HomeAssistant, ad un contatore dell’acqua smart. In questo articolo andremo a descrivere come l’ho aiutato.

Obiettivo

L’obiettivo di Tex era quello di poter gestire, in maniera intelligente, il contatore dell’acqua di casa. Tramite un misuratore di litri ed una elettrovalvola, il suo scopo era quello di avere un sistema di monitoraggio con il fine di controllare il flusso d’acqua ed agire, quando necessario, nell’elettrovalvola. Io l’ho realizzato.

Un pilastro fondamentale del progetto era la possibilità di poter gestire tutto in Wi-Fi con l’ausilio del minor numero di connessioni cablate possibili. Tutto quanto ovviamente, doveva essere integrato con il software di gestione HomeAssistant.

Componenti utilizzati

Per questo progetto abbiamo utilizzato:

Principio di funzionamento

La logica di lavoro di questo progetto è incentrata nella comunicazione intelligente tra tutti i componenti. Il concetto è facile: il contatore dell’acqua prende le misurazioni e sfrutta il modulo ESP8266 per collezionarle. HomeAssistant è configurato ad-hoc per riportare tutti i dati nell’interfaccia utente e per innescare l’elettrovalvola da remoto nel caso Tex voglia farlo. Il flusso di dati trasmesso da e verso HomeAssistant avviene tramite protocollo MQTT.

Lo Sketch di Arduino è predisposto per accettare e trasmettere messaggi MQTT.

Configurazione

Devo ammetterlo, fare in modo che tutti i dispositivi comunicassero in modo fluido tra loro, è stato piuttosto complesso. Ogni componente di questo progetto ha una propria logica di funzionamento e la sfida è stata trovare il modo migliore per integrare tutti i sistemi tra di loro.

  • HomeAssistant: E’ stata predisposta una rete di Sensori e Switch MQTT in grado di controllare tutto il sistema. HomeAssistant rimarrà sempre il centro di comando mentre le altri componenti agiranno da satelliti e supporto.
  • ESP8266 Node MCU: Programmato tramite Arduino, l’ESP8266 funge da collettore di dati e da trigger per l’elettrovalvola. E’ un ottimo dispositivo, affidabile, efficiente e versatile.
  • Contatore Acqua ed Elettrovalvola: Entrambi sono connessi all’ESP8266, rispettivamente come collettore di dati e come dispositivo finale atto a sanare eventuali perdite o malfunzionamenti.

Conclusioni di questo progetto di domotica fai da te

Il progetto, nonostante le tante ore di sviluppo, è stato un successo! Tex è soddisfatto: tutti i componenti lavorano in maniera fluida, intelligente ed in tempo reale. Da HomeAssistant è possibile verificare il consumo dell’acqua e azionare l’elettrovalvola.

L’ESP8266 riceve e trasmette le informazioni necessarie ad HomeAssistant.

Questo articolo è stato scritto durante il periodo COVID-19, quindi tutti gli sviluppi e le configurazioni che abbiamo fatto, sono state fatte da remoto sfruttando la tecnologia!

Vuoi anche tu un progetto di domotica personalizzato?

Lascia un commento